Fotografia

Il panorama pugliese da Castel del Monte

img_8221Dominare la situazione, avere tutto sotto controllo perché niente possa sfuggire. Il colpo d’occhio da Castel del Monte è notevole, dato che in giornate terse è possibile spaziare con la vista per diversi chilometri.

La costa pugliese con le città di Giovinazzo, Molfetta, Bisceglie, Trani, Barletta e Margherita di Savoia, l’entroterra con Corato e Andria che per un’illusione ottica dovuta alla prospettiva sembra fondersi con la vicina Barletta. Ancora più nell’interno, invece, è possibile intravedere Canosa di Puglia mentre in fondo si staglia placido il Gargano.

Ci si muove in circolo e come piccoli pianeti, i turisti ruotano attorno alla stella principale: il castello. Si lascia il lato mare e si passa a quello con vista campagna, con il Vulture e le cime della Basilicata che spuntano oltre i rilievi dell’Alta Murgia.

È divertente vedere i turisti che rimangono senza parole davanti a questo panorama sconfinato, cercando poi di indovinare i nomi delle città che si vedono in lontananza. Visitare Castel del Monte è anche un gioco, perché oltre agli imprescindibili aspetti storici, artistici, architettonici, questa è un’esperienza che coinvolge appieno gli amanti della fotografia.

Standard
Fotografia, Viaggi

Gargano, brevi riflessioni di viaggio

img_7866Orizzonti abbastanza vicini da essere sfiorati con la vista, il mare che come sempre ci regala una sensazione di calma. Sono fermo a Torre Mileto, in fondo si scorgono le isole Tremiti, in primo piano quella di San Nicola.

Non capitavo da queste parti da una vita, ero ancora bambino, quindi potrete immaginare quale meraviglia abbia provato di fronte a questo scenario. Mentre ero in auto, in più di una circostanza guardandomi intorno ho pensato come fosse davvero grande la Puglia.

In quel momento mi trovavo a circa 200 km di distanza da Bari e ad oltre 300 da Lecce. Intendo dire che mi sono soffermato su un pensiero in particolare: trovarmi sul Gargano e sapere che la bellezza di questa regione mi attende anche a centinaia di km di distanza da lì.img_7911

La suggestività dei luoghi è un tratto comune della Puglia, ma non si può evitare di notare la profonda differenza tra le aree del territorio. Una regione unica che contiene al suo interno tante regioni a sé stanti, ognuna con peculiarità tali che non possono sfuggire all’attenzione dei turisti, così come dei suoi stessi abitanti.

Standard
Fotografia, Natura, Viaggi

Gargano, direzione Peschici: qui ho lasciato gli occhi

img_7889Puglia ora tocca di nuovo a te! Stavolta andiamo a nord dove ci attende il suggestivo Gargano con la sua fitta vegetazione, un mare di una bellezza ipnotizzante, panorami sconfinati e paesi pieni di vita. Innanzitutto un consiglio spassionato: se volete viaggiare magari non proprio velocemente, ma nemmeno perdendo tempo, senza il fastidioso mal d’auto in direzione di Rodi Garganico, Peschici e Vieste, seguite queste indicazioni.

Dopo aver imboccato la S.S. 693, prendete la S.P. 41 e giù dritto fino a Torre Mileto. Una volta arrivati lì, proseguite dritto costeggiando Capoiale e Foce Varano (un posto pazzesco) per poi lasciare alla vostra destra la provinciale 41 ed entrare in località Lido del Sole.

Questa deviazione vi consentirà di ridurre il numero di km da percorrere, senza inoltrarvi nell’interno. Adesso viene il bello: come si fa a rimanere concentrati alla guida, mentre l’attenzione viene catturata da un paesaggio talmente bello che è impossibile non fermarsi.

La sosta fotografica è d’obbligo, non tanto all’andata perché l’unico punto dove parcheggiare è lungo la direzione opposta, quanto al ritorno. Qui abbiamo tutto quel che serve: rocce che si protendono sulle acque mescolando il verde della vegetazione all’azzurro del mare, l’Adriatico che da laggiù ci osserva placido, Rodi Garganico che ci fa l’occhiolino.

Proseguire per Peschici è facile, tra qualche saliscendi e pochi tornanti, eccoci arrivati! Queste sono le immagini che come sempre spero possano invogliarvi ad andare a vedere questi posti coi vostri occhi.

Standard