Arte, cultura, Fotografia

MAIS Festival: Patrizia Mastrapasqua tra illustrazioni e street art

Continuiamo il racconto del MAIS Festival di Andria pubblicando due fotografie scattate alle opere di Patrizia Mastrapasqua. La scelta dei colori non sembra casuale, così come il ripetuto riferimento al vuoto come spazio (ri)generatore.

Tra illustrazione e street art ho notato una certa continuità concettuale che mi ha favorevolmente impressionato. Avrei voluto vedere la manifestazione dall’inizio, ma non è stato possibile.. per cui mi son dovuto accontentare dell’ultima giornata e di una visita postuma per immortalare i lavori ultimati.

Annunci
Standard
Arte, Fotografia

MAIS Festival, la street art rifà il look ad Andria

Archiviata con soddisfazione la trasferta romana, torno a raccontare la mia Puglia e in modo particolare la conclusione del 2015 all’insegna dell’arte. Nel periodo compreso tra il 19 e il 23 Dicembre, infatti, nell’Officina San Domenico di Andria si è svolto il MAIS Festival, un appuntamento in cui è stato possibile apprezzare e imparare qualcosa sulle arti visive e la street art.

In quei giorni una parte del centro antico della città si è trasformata in un piccolo laboratorio a cielo aperto: lascio alle fotografie il compito di descrivere le creazioni degli street artist Gods In Love, Rizek e Awer.

 

Standard
Arte, Fotografia, scultura

Maschere apotropaiche: da scongiuro a street art?

Via Epifania CapursoOk è ufficiale: sono morbosamente attratto dalle maschere apotropaiche e ogni volta che ne trovo una non posso non immortalarla. Questo bellissimo esemplare si trova a Capurso, a pochi km da Bari, sulla volta di un edificio lungo via Epifania.

Come non rimanere indifferenti di fronte a tanta bravura? A volte mi domando se chi abita in case come quella sappia quale tesoro possieda, ma considerando l’espressione stranita della signora a cui ho chiesto il permesso di scattare qualche foto, la mia risposta è negativa.

Le maschere apotropaiche, come dice la parola stessa, servivano in origine per allontanare, scongiurare, spaventare le forze maligne che osavano varcare la soglia di casa. Oggigiorno, invece, hanno tutta l’impressione di essere diventate un abbellimento, magari un po’ macabro o naif, che smentisce le intenzioni primordiali.

Possiamo forse considerare i mascheroni come una forma di street art visto il venir meno della loro funzione d’origine? Di certo essi ornano edifici non sempre significativi dal punto di vista estetico e contribuiscono a rendere meno banali, piatti e ripetitivi certi angoli di città.

Standard
Arte, Fotografia

Street art in Italy: Andria

Autori sconosciuti, tecniche differenti, soggetti interessanti che animano i vicoli del centro di Andria. Qui la street art è nascosta agli occhi dei più, non è sfacciatamente sbattuta in faccia ai benpensanti, ma isolata in contesti secondari.

Tutto sommato è meglio così, perché solamente chi è davvero interessato e ha voglia di osservare più e più volte queste opere potrà andarle a scovare nei luoghi meno frequentati.

Standard